CoronaVirus: l’impegno del PD e del Governo

CoronaVirus: l’impegno del PD e del Governo

Per la salute delle persone, per il potenziamento del sistema sanitario nazionale, per le famiglie, per chi lavora e fa impresa. Serviva una prima risposta forte dal governo ed è arrivata. Qui trovate le principali misure della manovra “Cura Italia”. Altre ne arriveranno nei prossimi giorni. Nessuno sarà lasciato solo, questo è il nostro impegno.

Domenica 8 marzo: tutti a votare MASCIO

Domenica 8 marzo: tutti a votare MASCIO

Care democratiche e cari democratici,
come sicuramente già saprete, domenica 8 marzo si vota per eleggere un Senatore della Repubblica nel collegio dell’Umbria, del quale fa parte anche la vostra città. È senza dubbio un momento delicato per il nostro Paese, alle prese con un’emergenza sanitaria di rilievo, ma il voto di domenica rappresenta un’occasione fondamentale innanzitutto per la regione: un risultato importante sarebbe un altrettanto importante segnale di ripresa per le forze democratiche e del centrosinistra in Umbria. Come Partito Democratico abbiamo scelto, insieme ad altri, di sostenere la candidatura di Maria Elisabetta Mascio, donna di sinistra e da sempre aperta al dialogo con altri mondi e altre culture politiche, molto radicata sul territorio e con alle spalle una storia di impegno nella cura del prossimo e nell’educazione dei giovani, grazie a un’esperienza riconosciuta e apprezzata nel mondo della scuola.
La partecipazione al voto è fondamentale e vi chiedo per questo un impegno, in questi ultimi giorni di campagna elettorale, per mobilitare amici, conoscenti, familiari e per votare e far votare Maria Elisabetta Mascio, nella convinzione che l’Umbria merita di essere rappresentata da chi porta con sé esperienza, valori, cultura e una solida tradizione democratica.

Un caro saluto

Walter Verini

Nomine direttori sanità e giunta, la proposta di legge del Pd: “Separiamo politica e amministrazione”

Nomine direttori sanità e giunta, la proposta di legge del Pd: “Separiamo politica e amministrazione”

Il capogruppo Bori: “Conta ciò che conosci, non chi conosci”. Ecco la proposta di legge dei Dem

Conta ciò che conosci, non chi conosci”. E anche: “L’obiettivo è rafforzare il principio di separazione tra indirizzo politico e gestionale”. Sul tema altamente infiammabile delle nomine dei direttori regionali e di quella sanità quattro consiglieri regionali del Pd – Tommaso Bori, Michele Bettarelli, Simona Meloni e Fabio Paparelli – annunciano la presentazione di due proposte di modifiche di legge per “introdurre una riforma dei criteri di nomina dei direttori regionali, dei direttori delle Aziende sanitarie locali e delle Aziende ospedaliere”.

Quello che propongono dal Partito Democratico, per farla facile, è un fossato tra politica e vertici amministrativi: “Crediamo opportuno e non più rinviabile che la Regione Umbria si doti di una normativa ancor più stringente e trasparente in materia di nomine – sottolinea il capogruppo Bori – in modo da garantire il criterio di rotazione e ricambio tramite una giusta e regolamentata turnazione delle figure apicali, oltre che la competenza, la professionalità e l’indipendenza dei direttori rispetto agli organi di governo politico. La modifica – continua – porterà ad avere requisiti più chiari e introdurrà limiti temporali stringenti nella possibilità di attribuire incarichi ad un medesimo soggetto”.

Per quanto riguarda la Regione, la proposta di legge dei quattro consiglieri regionali del Pd “prevede che il direttore generale e i direttori regionali siano nominati dal Presidente della Giunta regionale, sentita la Giunta stessa, previa una manifestazione d’interesse, e scelti prioritariamente tra i dirigenti già in ruolo presso la Regione, dotati di professionalità adeguata rispetto alle funzioni da svolgere e che abbiano ricoperto incarichi di dirigente, anche cumulabili, per almeno cinque anni. Il Presidente della Giunta regionale, qualora la selezione interna non abbia prodotto risultati – aggiunge -, potrà nominare, sulla base degli stessi criteri qualitativi, anche direttori in servizio presso altre Regioni, altri organi dello Stato o di altri Enti pubblici, oppure di aziende private. Inoltre, non sarà più possibile nominare chi ha ricoperto l’incarico di direttore generale o di direttore regionale da più di dieci anni. Anche i dirigenti non potranno più ricoprire la stessa posizione per più di dieci anni”.

E poi c’è la sanità. La falce fienaia che ha tranciato la giunta Marini: “La proposta in ambito sanitario – spiega Bori – va a modificare il Testo unico in materia di Sanità per quanto concerne la disciplina finalizzata all’individuazione di criteri, requisiti e la modalità di nomina del Direttore generale, del Direttore Amministrativo e del Direttore Sanitario. È infatti prioritario renderla ancora più conforme ed adeguata alla disciplina nazionale in materia di dirigenza sanitaria, che, a garanzia di trasparenza e competenza nel selezionare i soggetti in grado di rivestire i ruoli apicali delle strutture sanitarie, prevede l’istituzione di un elenco nazionale per i candidati direttori oltre che la nomina di una commissione regionale per l’espletamento della selezione pubblica”.

Bori spiega anche che “a seguito delle modifiche non potranno essere più nominati coloro che hanno già ricoperto per due volte consecutive tale incarico, presso la medesima Azienda sanitaria regionale o per più di tre volte nella propria carriera professionale e ai fini della selezione la Regione dovrà assicurare modalità idonee a garantire la segretezza delle generalità dei candidati. La rosa di nomi proposta dovrà essere adeguatamente motivata, sia rispetto alle valutazioni effettuate ai fini della individuazione dei candidati selezionati nonché in merito alle ragioni dell’esclusione dei restanti”.

“Altre novità importanti – spiega Bori – sono rappresentate dal fatto che non potranno più far parte della Commissione i dipendenti in servizio presso la Regione e che non potrà più essere nominato chi ha ricoperto l’incarico di Direttore generale, Direttore amministrativo o di Direttore sanitario, per due volte consecutive, presso la medesima Azienda sanitaria regionale, o per tre volte nella propria carriera professionale”.

Per il capogruppo del Partito Democratico, “sono proposte giuste e che mettiamo a disposizione di tutta l’Aula, su cui auspichiamo una larga convergenza a prescindere dalle appartenenze”. A Palazzo Cesaroni e ai consiglieri regionali la risposta.

 

Fondi Europei, Porzi: “Ristabilire la verità”

Fondi Europei, Porzi: “Ristabilire la verità”

PERUGIA – “In questi ultimi tempi troppe sirene e troppi che pensano di essere ancora in campagna elettorale sono intervenuti in materia di Fondi europei sostenendo le più svariate e bizzarre tesi. È giunto il momento che si riporti tutto nel campo della verità oggettiva e che si pronuncino i professionisti che in questi duri anni di crisi economica hanno messo competenze ed anima per consentire alla Regione Umbria di essere un modello a livello europeo”. È quanto dichiara Donatella Porzi, consigliere regionale del Partito democratico, annunciando di aver presentato una formale richiesta indirizzata al presidente della Prima Commissione dell’Assemblea legislativa dell’Umbria per chiedere l’audizione urgente dei dirigenti e dei tecnici della Regione.

“Da una approfondita indagine conoscitiva – spiega Porzi – è emerso che, contrariamente a quanto affermano alcuni improvvisati commentatori dell’ultima ora, l’Umbria, sin dall’avvio della programmazione 2014-2020, ha rispettato e raggiunto i target fissati, conseguendo gli obiettivi non solo finanziari ma anche qualitativi, quelli che danno la percezione che l’euro speso è stato speso bene. La nuova Giunta regionale dovrebbe mettere al centro dell’azione di governo proprio la programmazione per sostenere la crescita innovativa delle imprese in particolare nella ricerca, per consentire ai Comuni di progettare investimenti qualitativi su patrimonio culturale, finanziare le azioni a sostegno della lotta alla povertà, una dolorosa piaga dei nostri tempi, e molti altri progetti come il reinserimento lavorativo dei lavoratori adulti ed il diritto allo studio”.

“Grazie al monitoraggio costante e continuo degli impegni e dei pagamenti a valere sulle risorse del POR FESR 2014-2020 – prosegue Porzi – la Regione Umbria ha in corso la certificazione della spesa per un importo di 92milioni 242mila 705 euro che rappresenta il 102 per cento del target da raggiungere entro dicembre 2019. Pertanto ha già superato l’obiettivo prefissato. Inoltre, con la Decisione C(2019) 6200 del 20 agosto 2019, la Commissione Europea ha comunicato una premialità aggiuntiva visto che la Regione Umbria ha prodotto una certificazione di 67,83 milioni di euro raggiungendo la performance definita in sede di programmazione”.

“Chiediamo – conclude Porzi – che il Presidente della Prima commissione consiliare Daniele Nicchi convochi quanto prima in audizione i dirigenti ed i tecnici della Regione così da permettere a tutti i consiglieri di approfondire le materie che affronteremo nella legislatura appena iniziata, sperando in futuro di potersi confrontare su tematiche conosciute, nel solo interesse degli umbri”.